“Aspettando Maker Faire” #MFR19 : Focus sulle materie plastiche e la prototipazione

Condividi questo articolo :

Articolo sul Seminario.

Lo scorso 10 Ottobre siamo stati invitati ad assistere a un convegno sul tema Materie Plastiche organizzato da FabLab Frosinone APS nell’ambito del programma “Aspettando Maker Faire Rome” ed è stato Promosso da  Aspiin e Camera di Commercio di Frosinone. L’evento durato circa 3 ore, composto da un dibattito costruttivo sull’argomento, ha visto partecipi alcune aziende affermate del settore come LATI, industria per la produzione delle termoplastiche, officine meccaniche come OMETEC, che si occupa di stampi e stampaggio ad iniezione. Infine, ma non in ordine di importanza, Make A Shape con la dottoressa Elena Pierri, l’unica azienda presente nel Centro Italia a produrre filamenti per la stampa 3D.

L’evento è iniziato con la presentazione da parte dell’Arch. Elena Papetti, presidente del FabLab Frosinone APS e successivamente con l’intervento da parte di Marcello Pigliacelli, presidente della Camera di Commercio FR, sull’importanza dell’innovazione sul territorio del Lazio mediante i FabLab e le attività che derivano da essi. Nel dibattito di apertura è stato ricordato da Marcello Pigliacelli e Giovanni Proia, quest’ultimo il rappresentante del consiglio di amministrazione ASPIIN, che il progetto di inserire i FabLab nella Provincia di Frosinone è partito dalla prima conoscenza della piattaforma Arduino circa 5 anni fa, da lì in poi l’educazione sulle nuove tecnologie, i movimenti Maker e la nascita di progetti innovativi è aumentata in modo esponenziale.

LATI, rappresentata per l’occasione dall’Ing. Luca Posca e l’Ing. Francesco Manarini è l’azienda che ha aperto il discorso cardine della giornata, essendo produttrice della materia prima, ha parlato dei vari punti che compongono la produzione di un materiale plastico, e grazie alla branchia aziendale LATI 3D Lab, ha introdotto i materiali destinati alla stampa 3D venduti ai vari produttori di filamento in forma di granulo. Dall’Ing. Francesco Manarini è stato aperto un discorso molto ampio per quanto riguarda tutto il processo di produzione di un materiale plastico, inserendo nella filiera produttiva quelli che ha definito nuovi “player” i quali sono rappresentati dai produttori di filamento 3d fino ad arrivare al Maker, passando ovviamente da quelli che sono i Service (Fablab, modellerie e attività simili). Per LATI 3D Lab l’importanza di creare una collaborazione con i vari player, quali sono già Make A Shape e Ometec, è alla base di un buon prodotto, sottolineando che per produrre materiali adatti alla stampa 3D ci sono spesso delle problematiche e che la bontà di un materiale è decisa dalla macchina che si sta usando, dal settaggio di stampa e persino dalla conoscenza che si ha del materiale stesso. Tra i materiali mostrati da parte di LATI è stato interessante conoscere un PLA tecnico con maggiore resistenza meccanica e resistente a temperature maggiori ai 100° dopo la cottura, nonché alcune plastiche termo-conduttive e altre caricate con fibra di carbonio.

La dottoressa Elena Pierri per conto di Make A Shape, ha focalizzato l’attenzione sui propri filamenti per la stampa 3D, mostrando il Pro Special, un filamento ad alta resistenza meccanica, la quale materia prima è prodotta proprio da Lati, e il BioMake un filamento biodegradabile e compostabile. Durante la presentazione dell’azienda è stata evidenziata la grande collaborazione che Make A Shape ha con i propri clienti, alcuni dei quali molto conosciuti e anche in questo caso è stato enfatizzato il concetto di collaborazione con quest’ultimi per portare al mercato un prodotto stampabile e di buona qualità.

Per concludere l’incontro è intervenuto Ing. Gianluigi Raponi per l’azienda OMETEC, la quale si occupa di progettazione stampi e stampaggio di materie plastiche. E’ stato interessante estrapolare dal suo discorso il concetto di sicurezza, dimenticando molto spesso che non tutti i materiali sono adatti a tutti gli scopi e si usano sempre più spesso alcuni materiali inadatti per l’uso finale a discapito della funzionalità e dell’efficacia.

Essendo un convegno sulle materie plastiche non è stata di certo tenuta a disparte il discorso dell’inquinamento e nello specifico del movimento “plastic-free”, a tal proposito sono state portate alla luce delle osservazioni molto interessanti per quanto riguarda l’argomento : “E’ impensabile l’eliminazione totalmente della plastica”, questa è stata l’osservazione univoca dei rappresentanti delle varie aziende, e noi della redazione siamo effettivamente d’accordo su questa affermazione, poiché come già detto anche nel convegno la plastica fa parte oramai di vari settori, ma allo stesso tempo può di certo essere ridotta per esempio nel campo alimentare e nello specifico per i prodotti monouso (bicchieri, forchette, cannucce etc) . Eliminando la plastica nell’ambito industriale farebbe crollare migliaia di settori lavorativi per non contare l’uso delle parti in plastica su un’automobile, la quale peserebbe di più se fosse tutta in metallo e di conseguenza consumerebbe e inquinerebbe di più. L’eliminazione totale della plastica è impossibile, è stato speso anche qualche minuto per il concetto di eco-sostenibilità e di biodegradabilità introducendoci effettivamente in un mondo tutto nuovo, in quanto il concetto di eco sostenibile è alla base di un discorso fin troppo vago, essendoci vari tipi di polimeri biodegradabili che si degradano in situazioni del tutto diverse, specificando che un prodotto per essere realmente eco-sostenibile, tale eco-sostenibilità debba partire dapprima dal processo di produzione e non dalla proprietà del materiale.

Che dire, un evento veramente interessante, non abbiamo modo di approfondire il tutto qui in questo articolo e soprattutto siamo stati attenti a non scendere troppo nel dettaglio e nei tecnicismi, poiché non volevamo portare attenzioni mirate sulle aziende citate a maggior ragione quello che ci piaceva portare in questo contenuto è il farvi sapere che esistono eventi del genere, gratuiti, che collegano il consumatore al produttore e che ci piacerebbe sempre più documentare su questo blog.

Lasciamo link di approfondimento in merito alle varie aziende presenti all’evento.

Via : https://2019.makerfairerome.eu/it/, http://www.fr.camcom.gov.it/, https://www.fablabfrosinone.org/, https://www.lati.com/it/, https://www.make-shape.com/, https://www.ometec.it/

Quindi, ora tocca a voi, cosa ne pensate. Scrivetecelo nei commenti! ❤️

Condividi questo articolo :

Redazione Filo Connesso

Redazione Filo Connesso

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati di Informatica, elettronica e robotica. Abbiamo creato Filo Connesso per offrire materiale educativo e informativo dedicato ai nostri settori di interesse.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *