Makr Shakr : La “Milano da Bere” con il robot barista!

Condividi questo articolo :

Foto di Marco Beck Peccoz

Dai, i film di fantascienza lo avevano previsto, i robot domineranno la terra. Alcuni di voi storceranno subito il naso per il fatto che un robot abbia “sostituito” una figura cosi classica con cui scambiare quattro chiacchiere come quella del barista, sarete già preoccupati per il vostro futuro! In realtà non siamo cosi preoccupati perché questa è un’idea innovativa e per fortuna nata da menti Italiane!

Makr Shakr è il principale produttore di bar robotici fondato dal professor Carlo Ratti del MIT, questo bar ad alta tecnologia consiste in un’installazione composta da due bracci robotici in grado di miscelare varie bevande per creare il cocktail perfetto in base ai propri gusti. L’impianto posizionato a Milano sull’hotel di lusso TownHouse, affacciato su Piazza del Duomo, è aperto al pubblico da Luglio e lo resterà fino a fine autunno per poi ripartire con il suo “tour mondiale” per un nuova meta.

Foto di Marco Beck Peccoz

Prendendo vita nella città di Milano che come slogan iconico, risalente agli anni 80 ha proprio la celebre frase “Milano da Bere”, The
View by Makr Shakr
ha portato una nuova (e robotica) atmosfera nella metropoli che sta facendo riscoprire il piacere dell’aperitivo in una forma del tutto nuova e mai vista prima.

Il progetto oltre a suscitare un’interesse tecnologico racchiude varie caratteristiche che lo rendono unico, come per esempio scoprire che i movimenti della macchina sono stati modellati secondo i gesti e le movenze del ballerino e coreografo italiano Marco Pelle del New York Theatre Ballet e che addirittura è stato creato un mocktail appositamente studiato per il bar a base di liquore al tè e bergamotto chiamato T+. Il robot è anche disponibile per l’acquisto e l’affitto.

Makr Shakr può gestire abilmente la miscelazione di 150 bottiglie diverse, creando combinazioni infinite in pochi secondi. Per effettuare l’ordinazione del nostro drink sarà necessario aprire l’app dedicata, la quale riconoscerà automaticamente se ci troveremo nelle vicinanze di un bar robotico o meno e successivamente si potrà “costruire” la propria miscela che sarà processata e realizzata dal robot alcuni istanti dopo.

The View di Makr Shakr mostra come la tecnologia possa dare potere alle persone, Non si tratta di sostituire gli umani con i robot, ma consentire ai robot di essere estensioni delle nostre braccia.

Commento del CEO di Makr Shakr, Emanuele Rossetti.

Noi della redazione di Filo Connesso siamo entusiasti di questa innovazione, portare i robot industriali in una fascia di usabilità adatta a tutti e perchè no, se questo possa essere un’inizio per aiutare l’uomo, sopratutto nella ricerca scientifica e tecnologica, lo accoglieremo a braccia aperte!

Foto di Marco Beck Peccoz

Articolo e immagini concesse da Makr Shakr.

Sito internet : https://www.makrshakr.com/

E voi cosa ne pensate, vi fareste fare un’aperitivo da Makr Shakr? Come sempre, fatecelo sapere nei commenti! ❤️

Condividi questo articolo :

Redazione Filo Connesso

Redazione Filo Connesso

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati di Informatica, elettronica e robotica. Abbiamo creato Filo Connesso per offrire materiale educativo e informativo dedicato ai nostri settori di interesse.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *