Shybo : Il robot educativo che ascolta!

Condividi questo articolo :

Qualche tempo fa avevamo parlato di Dorotea Panzarella e del suo progetto Emmo, mostrandovi quanto Arduino aiuti a sviluppare prodotti ludici educativi e di quanto il settore si stia mano a mano allargando. Oggi Vi parliamo di Shybo, si tratta di un robot educativo studiato e sviluppato nel campo della robotica infantile.

Nonostante sia un progetto nato in Cina in collaborazione con Haipeng Mi, Yuan Yao e Jing Gao, presso X-Studio della Tsinghua University, il progetto è stato ideato e sviluppato da menti italiane come Maria Lucia Lupetti e Lorenzo Romagnoli.

L’intento è far interagire Shybo con il mondo esterno facendo in modo che il bambino, durante le ore di gioco, insegni al robot a percepire i suoni e comportarsi di conseguenza. L’attuale prototipo di Shybo ha al suo interno un Arduino Pro Mini che insieme a un microfono, un potenziometro, un pulsante, un interruttore, un servo e dei led indirizzabili costituiscono la maggior parte dei componenti che permettono l’interazione con le persone e con l’ambiente esterno.

I dati elaborati dal robot vengono inviati a un portatile tramite Bluetooth, successivamente con Wekinator (software di apprendimento) e Open Sound Control si insegna al robot quali operazioni eseguire e in quale momento. Shybo introduce un modo alternativo all’apprendimento basato sui colori e sulle reazioni ambientali, aggiungendo alle interazioni una sorta di gioco da tavolo che richiede al giocatore di produrre i colori giusti sul robot giocando con i suoni e i rumori, ovviamente facendo apprendere gli abbinamenti tra colore e rumore con il software di apprendimento prima di giocare.

Shybo fa parte di un progetto che consiste in percorsi di apprendimento ludico iniziato nelle scuole dal 2017 a Torino con il nome di OpenAnimates e che insieme a Lorenzo Romagnoli e Annalisa Gallo è stato sperimentare l’uso della robotica destinata all’insegnamento nell’ambito scolastico e per l’uso all’interno di attività ludico-didattiche di gruppo, piuttosto che per il gioco individuale.

Questo progetto a noi della redazione ci piace un casino, come ripetevamo all’inizio fa capire quanto il mondo di Arduino aiuta settori che sono diversi tra loro e che porti alla luce la nascita di nuovi lavori, sempre più innovativi e interessanti. L’uso di queste tecnologie, infine, ci fa capire di quanto può aiutare i bambini a imparare in modo alternativo.

Materiale e testi concessi da Maria Luce Lupetti.

Via : https://marialucelupetti.com/portfolio/shybo/, https://marialucelupetti.com/

E voi cosa ne pensate di Shybo ? Come sempre dite la vostra nei commenti! ❤️️

Condividi questo articolo :

Redazione Filo Connesso

Redazione Filo Connesso

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati di Informatica, elettronica e robotica. Abbiamo creato Filo Connesso per offrire materiale educativo e informativo dedicato ai nostri settori di interesse.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *